Cosa fare ad Erice e i luoghi da vedere assolutamente

Erice è una città a cui non si può restare indifferenti e che bisogna visitare almeno una volta nella vita; ecco perché in questo articolo voglio consigliarti cosa fare ad Erice, così da rendere indimenticabile il tuo soggiorno.

Situata vicino a Trapani, Erice è una cittadina che, come comune, conta quasi 28 mila abitanti. La città sorge sul monte omonimo e, anche se una piccola parte della popolazione vive lassù, la restante parte vive tra Valderice, Trapani e Casa Santa.

Clima frizzantino anche in estate per via dei suoi 700 metri di altitudine, mare azzurro a perdita d’occhio e buon cibo sono solo alcuni degli aspetti che lasciano estasiati i turisti che ogni anno affollano quella che prende il nome da Erix, personaggio mitologico ucciso da Ercole.

Per via della sua posizione strategica, Erice è sempre stata oggetto del desiderio di numerose popolazioni che nei secoli l’hanno conquistata.

Siracusani, Cartaginesi, Romani, Arabi e Spagnoli hanno tutti contribuito a lasciare parte della loro storia tra le mura di Erice.

 

Cosa fare e vedere ad Erice

Indubbiamente non puoi non assaggiare i dolci di pasta di mandorla, tipici della cittadina e camminare dall’alto il golfo di Castellammare e parte della Sicilia.

Inoltre Erice è ricca di storia, per cui resterai affascinato dalle sue numerose rovine.

Ma vediamo nel dettaglio quelli che sono i maggiori luoghi d’interesse.

 

Duomo dell’Assunta

duomo dell'Assunta cosa fare ad Erice

Il duomo di Erice venne edificato dall’architetto Antonio Musso per volere del re Ferdinando d’Aragona.

Tipico esempio dell’architettura neo-gotica in Sicilia, il duomo presenta tre navate separateda colonne realizzate con mattoni di tufo e, nella sua struttura originale, era arricchito da mosaici.

Nell’800 la chiesa venne restaurata a causa del crollo del tetto. Questo comportò un cambio nella disposizione degli altari e la realizzazione di stucchi, prima assenti.

Poco più in là rispetto al duomo si erge il campanile, in origine antica torre di avvistamento. Il campanile è alto 28 metri ed è composto da 3 piani. 113 sono invece i gradini che devi salire se vuoi arrivare in cima.

 

Castello di Venere

castello di Erice

Realizzato nel 1.100, il castello era un tributo alla dea della fecondità, Venere. Nel tempo, tuttavia, venne adibito a piazza per gli scambi commerciali e a carcere durante il governo borbonico.

Il deteriorarsi della struttura portò ad interventi di restauro di cui si interessò il conte Agostino Pepoli. I ritrovamenti rinvenuti durante gli scavi, infatti, sono conservati presso un museo di Trapani a lui dedicato.

Tra le tante cose, il conte Pepoli fece realizzare un giardino all’inglese e ricostruire le torri ormai distrutte.

In origine un ponte levatoio univa il castello con le Torri del Balio, ma in seguito queste vennero sostituite da una gradinata.

 

Le porte di accesso ad Erice 

Porta Carmine è una delle 3 porte presenti nella cinta muraria di Erice. A differenza delle altre, però, questa presenta un arco a tutto sesto, sulla cima del quale puoi vedere quelche resta della statua di S. Alberto.

Questo dettaglio, insieme alla presenza di una piazza attigua, la rende una delle porte di accesso più importanti di Erice.

Porta Trapani prende il nome dal fatto che è rivolta verso la città di Trapani e, insieme a Porta Spada, presenta un arco a sesto acuto.

Porta Spada, infine, guarda verso nord e prende il nome dalla strage di Angioini avvenuta ad Erice durante la Guerra del Vespro.

 

Centro di Cultura Scientifica Ettore Majorana 

Portone centro Ettore Majorana

Presieduto dal Prof. Antonio Zichichi, il centro, fondato negli anni ’60, è conosciuto e rinomato a livello internazionale.

L’istituto è dedicato al fisco catanese Ettore Majorana, noto per i suoi studi nel campo della fisica nucleare e della meccanica quantistica.

Il centro ospita l’International Laboratory for Science Engineering and Advanced Technology, un laboratorio volto a studiare i cambiamenti che stanno affliggendo il nostro pianeta, e organizza il Premio Ettore Majorana-Scienza per la pace.

Per saperne di più vai su:

CENTRO DI CULTURA SCIENTIFICA ETTORE MAJORANA 

 

Chiesa di San Martino 

cosa vedere ad Erice pietra tombaleLa chiesa di San Martino risale al ‘300 ed è costruita in stile gotico. Tuttavia nel ‘600 è stata ricostruita e abbellita da stucchi, dipinti, pezzi di arredamento e da una statua in legno di San Martino. È stato inoltre realizzato il campanile, prima assente.

La chiesa ha una pianta a croce latina e il suo interno presenta 3 navate. Il pavimento, invece, alterna pietre tombali con mattonelle.

Dinanzi alla chiesa si trova l’omonima piazza da cui è possibile ammirare la facciata della chiesa: in cima ad un portale in stile barocco ampiamente decorato si erge una piccola torre dell’orologio con in cima le campane della chiesa.

 

Chiesa di San Giuliano 

campanile Erice

La chiesa di San Giuliano ha una rilevanza particolare per gli abitanti di Erice. Il monte Erice, infatti, in origine era chiamato monte San Giuliano, in onore di San Giuliano martire.

La chiesa venne costruita in epoca normanna e usata come luogo per le assemblee cittadine in epoca aragonese.

Anche lei nel ‘600 venne restaurata e arricchita da stucchi e nel ‘700 accanto alla chiesa fu innalzato il campanile.

All’interno della chiesa San Giuliano viene sempre raffigurato come un guerriero. Egli, infatti, veniva considerato il liberatore e il protettore di Erice, in quanto si narra che lotto contro i Musulmani per proteggere la città.

Dall’inizio degli anni ’20 la chiesa di San Giuliano subì il crollo della navata principale e venne chiusa fino al 2005.

 

Costo della vita ad Erice 

In generale in Sicilia il costo della vita è più economico rispetto a quello delle regioni del nord.

Ovviamente devi tenere in conto che Erice, soprattutto in estate, è un’ambita meta turistica, quindi in base alla stagione potrebbe far lievitare leggermente i prezzi.

Per esempio, nel 2019 il prezzo del pane è salito da circa 2 euro/kg a 3 euro/kg.

 

Costo medio degli alloggi ad Erice 

Se vuoi andare in vacanza ad Erice tieni in conto che, essendo una città turistica soprattutto in estate, i prezzi degli alloggi sono diversificati in base alle stagioni.

A giugno i prezzi medi per una notte sono di circa 60 euro. Ad agosto potresti pagare anche 100 euro a notte. Tuttavia se ti affidi a rinomati siti di ospitalità o affittacamere puoi pagare molto meno.

 

In che zona alloggiare? 

Non esiste una zona migliore di un’altra per alloggiare in una cittadina come Erice.

Tuttavia, se vuoi risparmiare, ti consiglio di cercare casa nei paesi della valle o direttamente a Trapani.

Avrai più scelta e potrai decidere a quale fascia di prezzo affidarti.

 

Come raggiungere Erice

Esiste una funivia che in massimo 15 minuti collega Trapani a Erice al prezzo di 5,50 euro per la corsa semplice e 9 euro per quella a/r. Vi sono poi svariati abbonamenti. Alla stazione della funivia di Trapani sono presenti 2 parcheggi che permettono ai turisti giunti in auto di sostare a pagamento così da potere salire in funivia ad Erice.

Se alloggi a Trapani i numeri 21 e 23 del servizio di trasporto pubblico della città operano durante i giorni feriali i transfert per portarti alla stazione della funivia. Nei giorni festivi, invece, devi prendere i numeri 201 e 202.

Chiaramente è possibile giungere ad Erice direttamente in macchina, ma la strada è in salita ed è molto tortuosa, quindi la sconsiglio vivamente a chi soffre il mal d’auto.

Valida alternativa all’auto e alla funivia è la compagnia AST (Azienda Sicilia Trasporti).

 

Di seguito i link ai servizi di trasporto per arrivare ad Erice:

AST 

FUNIVIA TRAPANI-ERICE

 

Sistemi di trasporto ad Erice 

vicoli in pietra Erice

Non esistono dei mezzi di trasporto pubblico che servono la cittadina di Erice. Essa infatti è totalmente percorribile a piedi.

 

Clima e periodo migliore per la visita ad Erice 

Poiché Erice si trova ad un’altitudine di più 700 metri, il clima è sempre un po’ ventoso, con tanto freddo in inverno e freschetto in estate. Per intenderci, anche in estate avrai bisogno di portare con te una giacca e una sciarpa leggera perché sentirai freddo.

Il periodo migliore per visitare Erice è quello che va da maggio a ottobre in quanto il clima è più benevolo e la città è piena di turisti. Se andrai in altri periodi la troverai più desolata ma non meno bella.

 

Consigli su come risparmiare ad Erice

Per risparmiare qualcosina durante il tuo viaggio ad Erice voglio darti qualche piccolo consiglio che può aiutarti a contenere le spese.

Non aspettarti un grosso risparmio ma nel complesso, diciamo che potrai permetterti una cena fuori in più.

  • Come già detto, evita di alloggiare direttamente ad Erice, ma preferisci luoghi più economici come Trapani
  • Per l’alloggio prenota con largo anticipo e affidati a siti come quelli descritti negli approfondimenti
  • I dolci di pasta di mandorle sono, di fatto, l’unica attrazione gastronomica di Erice, quindi per i tuoi pasti fa’ la spesa al supermercato

 

Quanto tempo rimanere ad Erice

Erice è una cittadina abbastanza piccola ed è visitabile in una giornata. Se vuoi godertela appieno restaci anche due giorni.

Il mio consiglio, quindi, è quello di visitarla all’interno di un contesto di viaggio più ampio, ovvero che comprenda le città e i paesi limitrofi.

 

Itinerario consigliato per visitare Erice 

cosa fare ad Erice pasticceriaUscendo dalla funivia ti troverai di fronte alla già citata Porta Trapani e, poco dopo, al Duomo. Da qui, puoi direttamente imboccare via G. Salerno che ti porterà dinanzi alle chiese di San Martino prima e San Giuliano poco dopo. Per finire di esplorare questo lato di Erice, si ergerà davanti a te il Castello di Venere.

Salendo verso nord avrai modo di vivere il quartiere spagnolo e di vedere Porta Spada.

Riscendendo verso Porta Trapani incontrerai diverse chiese e luoghi d’interesse come il Municipio e il polo museale A. Cordici e il Centro di Cultura Scientifica Ettore Majorana.

Non dimenticarti di sostare per degustare i dolci di mandorla locali. Sono deliziosi!

 

Se vuoi scoprire come organizzare un itinerario di viaggio o avere maggiori informazioni su Erice, leggi i link in basso:

COME CREARE UN ITINERARIO DI VIAGGIO? LE VARIE FASI NELL’ORGANIZZAZIONE

FONDAZIONE ERICE ARTE 

 

Bene, i miei consigli di viaggio terminano qui.

Mi piacerebbe tantissimo sapere se hai visitato Erice e come l’hai trovata.

Quindi lascia un commento!

 

La community di Diventa un Viaggiatore è qui per aiutarti ad aggiungere all’interno del tuo schema di vita la parola viaggiare.

Infatti viaggiare, che sia il tuo obiettivo di vita principale o che sia un tuo obiettivo secondario, è una delle cose più belle e stimolanti che possiamo fare nella nostra vita.

Ed il primo passo verso la realizzazione di questo grande obiettivo è quello di guardare la lezione 100% gratuita che ti insegna gli 8 TRUCCHI CHE TI CONSENTIRANNO DI VIAGGIARE A COSTO ZERO.

SCARICALA ADESSO non perdere altro tempo 😉

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui