Perché viaggiare è così importante nella vita?

Sei curioso di sapere perché viaggiare è così importante nella vita di una persona?

Beh, sappi che sei capitato esattamente nel posto giusto per te!

Sono molte le persone che credono che viaggiatori si nasce, ma io invece sono convinto che lo si diventa.

Io ad esempio, ho imparato perché viaggiare è importante più tardi di quanto si possa pensare, a 26 anni. Prima di allora, ero anche io una di quelle persone che stanno bene nel posto in cui sono. Curioso sì, ma stavo bene fermo.

In questa guida completa sull’importanza di viaggiare ti svelerò alcune semplici tecniche per capire se effettivamente il viaggio fa per te.

Ma prima analizzeremo insieme come e perché il viaggio (sopratutto se in solitaria) può migliorarti come persona, in molteplici ambiti della tua vita.

 

L’importanza di viaggiare nella vita

Viaggiare non è solo una scusa per scattare foto stupende da postare su Instagram (@diventaunviaggiatore) ma è piuttosto un’esperienza che arricchisce la tua vita in modi che nemmeno puoi immaginare. 

Viaggiare cambia tutto, rimodella qualsiasi concetto che hai in testa. Mette in discussione il tuo posto nel mondo e quello degli altri.

Vediamo insieme perché!

 

1) Conosci te stesso 

Viaggiare per il mondo, sopratutto se viaggi da solo, ti permette di conoscere te stesso in profondità, a differenza di quello che otterresti invece rimanendo a casa.

D’altronde viaggiare mette alla prova in modi che la routine quotidiana non può fare.

Quando sono partito per il giro del mondo nel 2018, ho fatto delle esperienze di vita che hanno totalmente stravolto il mio modo di pensare.

Al mio ritorno dicevo spesso che ho imparato più in quei 9 mesi di viaggio che in 26 anni di vita normale.

Donna che viaggia da sola e si conosce meglio - uno dei motivi del perché viaggiare

Hai l’opportunità di conoscere nuove culture, usanze, persone e realtà diverse da quella in cui sei cresciuto e tutto questo ti porta a prendere coscienza di lati di te stesso che non pensavi nemmeno di avere.

Dovrai affrontare nuove sfide tutti i giorni, in quanto ti dovrai arrangiare come meglio puoi, farti nuovi amici e raggiungerai quella vera indipendenza che a casa non troverai mai.

Ogni sfida superata ti rende più forte, più sicuro di te e magari sì, anche un po’ più figo!

Hai mai pensato a quanto sia interessante scoprire te stesso in un contesto totalmente nuovo?

 

2) Sviluppi il problem-solving 

Viaggiare è importante anche per sviluppare il problem solving, ovvero la capacità di risolvere problemi.

Come ho detto anche nella considerazione precedente, inciamperai in imprevisti che dovrai risolvere in fretta e da solo, prendendo in considerazione soluzioni a cui, a casa, ci avrebbero pensato altri.

Inevitabilmente a volte sbaglierai direzione ma grazie a questo crescerai, diventerai sempre più maturo e sicuro di te tant’è che, ad ogni nuova sfida, avrai sempre più strumenti per poterle affrontarle al meglio.

In più, avrai obiettivi e problemi diversi ad ogni meta, per ogni viaggio nuovo che farai.

Matteo e Bart (il mio camper) in Norvegia

Pensa ad esempio alla differenza di sfide tra il mio giro del mondo, e la tratta Roma – Capo Nord per vedere l’aurora boreale in camper d’inverno.

 

3) Vivi senza confini 

Superando le frontiere ti renderai conto di quanto i confini siano solo delle linee disegnate sulle cartine per una qualche ragione politica.

Viaggiare da solo e lontano da ciò che conosci ti farà capire che i confini non sono altro che barriere inventate dall’uomo.

Incontrerai persone che saranno contente di accoglierti, di aiutarti e di parlarti, non vedranno in te uno straniero. Si avrà un’iniziale diffidenza reciproca, ma svanirà subito, non appena ti sentirai membro di quella comunità.

In più, sarai libero, senza confini di spazio e di tempo.

Potrai andare dove vorrai quando vorrai, senza rendere conto a nessuno.

 

4) Ti si apre la mente

Viaggiare ti permette di vedere il mondo da prospettive diverse.

Quando interagisci con persone di culture differenti, impari a comprendere e apprezzare le diversità.

Perché viaggiare senza barriere mentali, ti porterà a sentirti in completa sintonia con il mondo.

Questo ti rende non solo un viaggiatore migliore, ma anche una persona più aperta e comprensiva. E questo, fidati, è un regalo inestimabile.

 

5) Apprezzi ciò che hai 

Quando torni da un viaggio lontano da casa, apprezzerai ancora di più quello che hai e capirai quanto sei fortunato in questo mondo.

Diamo per scontate troppe cose: cibo, acqua, igiene, un tetto sopra la testa…

Elementi che pensiamo normali e dovuti, ma viaggiando vedrai persone che mangiano quello che capita, che non hanno la doccia e tanti altri comfort che noi occidentali non immaginiamo nemmeno.

Per assurdo vedrai il sorriso sui volti delle persone che non hanno nulla e prenderai coscienza di quanto poco ti serva per essere felice, ringraziando la vita di ciò che hai.

 

6) Aiuta a combattere lo stress e la depressione

Immagina di essere su una spiaggia tropicale con il sole che ti accarezza la pelle e il suono delle onde che ti rilassa.

Sì, il viaggio è un antidoto naturale allo stress ed alla depressione.

sagoma di smile giallo e bianco disegnato su asfalto, con gambe e piedi di persone visti dell'alto

Lasciare indietro le preoccupazioni quotidiane per immergersi in nuovi ambienti aiuta a rigenerare la mente.

E non è solo una questione di relax: vivere nuove esperienze stimola anche la creatività, come è successo a me in Bolivia (sul Lago Titicaca) quando ho deciso che avrei creato Diventa un Viaggiatore.

 

7) Avrai amici ovunque

Perché viaggiare? Anche per fare amici in ogni parte del mondo.

Viaggiare infatti ti offre l’opportunità di incontrare persone incredibili da ogni angolo del pianeta. Ogni incontro è una finestra su un nuovo mondo, una nuova cultura.

Amici in tenda, uno dei motivi del perché viaggiare, farsi nuovi amici e conoscere i locali

E queste connessioni possono trasformarsi in amicizie durature invece che in amicizie a breve termine.

Che tu stia chiacchierando con un locals in un piccolo caffè di Lisbona o facendo festa con altri backpackers in Australia, ogni persona che incontri arricchisce la tua vita.

 

8) Avrai tante storie da raccontare

Ogni viaggio è una miniera di storie e ricordi. Che siano avventure divertenti, incontri emozionanti o semplicemente momenti di pace, queste esperienze diventano parte di te.

E c’è qualcosa di meraviglioso nel poter condividere queste storie con amici e familiari, creando un legame ancora più forte con le persone che ami.

Sarai visto come il viaggiatore tra i tuoi amici e ti verrà sempre chiesto di raccontare qualche storia particolare.

Io ad esempio, come racconto divertente, spiego sempre di quando ero in Australia in ostello e di notte due ragazzi si misero a fare l’amore proprio sotto il mio letto mentre io stavo dormendo, un’esperienza tutt’altro che piacevole…

 

9) Vedrai la storia con i tuoi occhi

Quando ero uno studente tra i banchi di scuola, la storia era una delle materie che mi annoiava di più.

Eppure una volta che ho iniziato a viaggiare, la storia era invece uno di quegli aspetti che mi ha appassionato di più.

Visitare siti storici come il Colosseo a Roma, le piramidi di Giza, o la Grande Muraglia Cinese ti fa toccare con mano la storia.

Ti inizi a domandare: “Wow, questo è successo davvero qui!”? È come un salto indietro nel tempo.

Immagina di camminare sulle stesse strade che hanno percorso imperatori e guerrieri. Non è solo affascinante, ma rende la storia molto più interessante rispetto ai libri di scuola.

 

10) Troverai nuove passioni

Quando viaggi e sperimenti (o quanto meno osservi) nuove attività, potresti scoprire delle passioni che non sapevi di avere.

Potresti innamorarti del surf in Australia, del trekking in Nepal, o dello snorkeling nelle Filippine.

Uomo che cammina su sentiero innevato tra bosco - periodo migliore Cammino di Santiago

Ogni luogo offre attività uniche che potrebbero diventare i tuoi nuovi hobby. E chi sa, magari scopri una passione così forte da volerla continuare anche a casa, come Gloria, la mia compagna, che ha scoperto la passione per l’handpan in Australia dopo aver osservato e sperimentato questo strano strumento.

Matteo Berardi
Sono un esploratore nato. Da piccolo sognavo di diventare un astronauta per esplorare mondi che nessuno ha mai visto. Nel 2018 ho affrontato un viaggio in solitaria della durata di 9 mesi, in cui ho attraversato il globo fermandomi nei paesi che fin da piccolo sognavo di visitare. In quello stesso anno, navigando sul Lago Titicaca ho iniziato a pensare che avrei voluto aiutare chi ha la mia stessa voglia di esplorare il mondo, ma che è frenato dai vari problemi della vita. Per questo nel 2019 è nata la community di Diventa un Viaggiatore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui