Tornare da un viaggio: cosa troverai al tuo rientro a casa?

Tornare da un viaggio è un’arte. L’essenza del viaggiatore risiede anche nel saper capire quando è il momento di raccogliere i frutti: la vita non è fatta solo di corsa e produttività, spesso è necessario fermarsi e vedere quanta strada si è percorsa.

Ma, a volte, la paura di ciò che potremmo trovare al nostro rientro ci rende insicuri, ed ecco che vorremmo che il viaggio non finisse più.

In questo articolo affronterò i problemi più comuni del rientro da un viaggio, avendo cura di consigliarti qualche piccola strategia superarli al meglio.

 

TORNARE DA UN VIAGGIO: COME CI SI SENTE AL RIENTRO?

Quando è il momento di tornare a casa da un viaggio le emozioni possono essere tante:

  • C’è la speranza che tutto quello che si sta vivendo non finisca…
  • Ci sono le aspettative legate a quanto la vita di tutti i giorni potrebbe cambiare dopo il rientro
  • C’è un po’ di malinconia, perché la bellezza del momento che si sta vivendo sta volgendo al termine.

Quando si parte per un viaggio, non si parte mai da soli: ci portiamo dietro gli irrisolti della nostra vita, i dubbi a cui cerchiamo risposte e le paure che ci chiedono di essere superate.

Quando si torna dal viaggio queste cose sono ancora tutte dentro di noi. Alcune avranno trovato risposte e altre invece saranno solo state messe in standby.

tornare da un viaggio: come ci si sente

 

È molto probabile che negli ultimi momenti del viaggio tutto ciò si faccia sentire molto più forte di prima, mescolandosi con le emozioni legate alla fine dell’esperienza.

A volte saprai connetterti più facilmente con le sensazioni che hai sperimentato, altre verrai sopraffatto dalla malinconia.

Ricorda che tutto dipende sempre dal tuo punto di osservazione: quello che hai vissuto è ormai scritto dentro di te, scegli se ricordarlo con un sorriso o con una lacrima (o perchè no…anche con entrambi!)

 

Tornare da un viaggio è davvero la fine?

Che il tuo periodo fuori casa sia di stato di qualche settimana o di parecchi mesi, la fine accomuna tutte le esperienze.

Ma sei davvero sicuro che la fine sia tutto? Ascolta questa puntata del mio podcast se vuoi saperne di più!

Le dimensioni del viaggio, EP10: La fine è un nuovo inizio

tornare da un viaggio: la fine è tutto?

 

 

PROBLEMI CHE SI POSSONO RISCONTRARE AL RIENTRO DA UN VIAGGIO E STRATEGIE DA APPLICARE

Al rientro dal viaggio le cose potranno essere diverse da quando sei partito o potranno essere in gran parte uguali.

In questo articolo vorrei darti alcuni semplici consigli che spero possano aiutarti se avrai problemi al tuo ritorno.

 

Il riadattamento alla vita di sempre e la ricerca di equilibrio

Tornare da un viaggio significa tornare evidentemente cambiato: gran parte di quello che eri si è trasformato in quello che oggi sei.

Questo perché ogni luogo che hai visitato, ogni esperienza che hai vissuto, ti ha insegnato qualcosa che ti ha portato ad essere per forza diverso rispetto a come sei partito.

La cosa più utile che puoi fare a te stesso è non cercare di incastrare la tua nuova persona in spazi che andavano bene un tempo. Cerca piuttosto di riscrivere le tue abitudini, uscendo dalla tua comfort zone.

Puoi, ad esempio, provare a cucinare un gustoso piatto o sviluppare interessi che hai scoperto in viaggio.

uscire dalla zona comfort

 

 

Se nulla è cambiato, lascia che l’esperienza del viaggio viva nella vita di ogni giorno

A volte puoi avere l’impressione che l’unica cosa ad essere cambiata durante il tuo viaggio sia te stesso, come se tutto ciò che è rimasto a casa si fosse congelato, aspettando il tuo ritorno. Nulla è cambiato, tutto è uguale.

Questo può essere demoralizzante perché può far nascere in te un senso di oppressione, come se il ritorno a casa fosse una routine monotona e incolore.

Se, quando torni, il mondo non ti sembra cambiato e tu ti senti sprofondare nelle solite abitudini, ti consiglio di fare un GRANDE respiro.

Tu sei più forte delle tue abitudini e puoi scegliere da cosa farti influenzare: puoi scegliere se lasciarti influenzare dalla grigia routine o se colorarla con quello che sei diventato durante il viaggio.

Fai respiri profondi e ascolta il battito del tuo cuore: all’inizio potrai fare un po’ fatica perché i tuoi sensi saranno impegnati ad ascoltare tutto ciò che succede FUORI di te. Ma se rimani qualche minuto in più ad ascoltarti potrai sentire quanta energia c’è dentro di te.

Questo ti permetterà di prenderti una piccola pausa dal mondo e di portare tutte le emozioni del viaggio DENTRO la tua vita.

porta i colori del viaggio nella routine

 

Canalizzare l’ispirazione

Il viaggio può essere un’ottima fonte d’ispirazione: mentre sei fuori casa puoi renderti conto di come, una volta tornato, potrai stravolgere la tua vita e lasciare fuoriuscire tutto il potenziale che era sempre rimasto inespresso.

Questo accade perché il viaggio è un’esperienza che ti porta oltre i confini, oltre i limiti e oltre le paure. Ti senti pervaso da una forte energia che senti di voler far esprimere.

Al tuo ritorno potresti cadere in uno stato di preoccupazione per cui ti chiedi se effettivamente riuscirai a realizzare tutto quello che avevi sperato.

tornare da un viaggio: foto ricordo

Il mio consiglio, se ti trovi in questa situazione, è quello di riconnetterti con la fonte d’ispirazione. Entra nuovamente nel flusso con tutto ciò che ti riporta ai momenti in cui sentivi l’energia uscire da tutti i pori!

  • cercando alcune foto
  • riguardando video
  • rileggendo le note di viaggio

 

Immagina il viaggio come una fonte inesauribile di ricordi a cui potrai attingere ogni volta che ne senti il bisogno! Questo ti aiuterà a non distrarti dal tuo obiettivo.

 

Prima di tornare da un viaggio, ricordati del jet lag!

Il Jet lag si presenta come un’ alterazione del ritmo sonno-veglia, regolato dal nostro orologio interno e dipende dal numero e dalla direzione dei fusi orari che si attraversano.

Il corpo ha la sua sincronia nelle 24 ore giornaliere e si aspetta un determinato alternarsi di giorno e notte. Una modificazione di questa sincronia comporta una produzione diversa di ormoni che si manifesta con sintomi fisici come:

  • alterazione del ciclo sonno-veglia: eccessiva stanchezza o insonnia
  • alterazioni dell’appetito
  • alterazioni delle funzioni gastro-intestinali

Per recuperare i sintomi del jet lag ci vuole tempo. Non ci sono precise leggi matematiche che definiscono quali siano esattamente i tempi che il proprio corpo richiede ma generalmente possiamo dire che:

  • se si viaggia verso EST di 12 ore, si necessiteranno di circa 9 giorni per ripristinare i ritmi del corpo
  • se invece si viaggia verso OVEST di 12 ore, si necessiteranno di circa 6 giorni per tornare in forma.

tornare da un viaggio: jet lag

 

No stress!

In questo senso è molto importante non stressare il corpo:

  • se ci si sente particolarmente stanchi è bene dormire per un breve periodo, in modo da recuperare le energie necessarie per raggiungere la sera ma tenere comunque una buona dose di stanchezza per addormentarsi subito. Questo aiuterà ad entrare più facilmente nei nuovi ritmi.
  • se invece si riscontra il problema contrario, quindi si soffre di insonnia, ci si può aiutare con l’alimentazione evitando caffeina o alcol e prediligendo maggiormente i carboidrati (che nella fase di digestione provocano maggiore sonnolenza).
  • bere molta acqua riduce la sensazione di malessere generale ed affaticamento.
  • Fare stretching ed esercizio fisico aiuta il corpo a ritrovare il proprio naturale equilibrio, quindi facilita la scomparsa dei sintomi.

 

Ti consiglio di prepararti qualche giorno prima della partenza approcciando GRADUALMENTE i nuovi ritmi che ti troverai a gestire.

E, infine, di predisporti del tempo per quando tornerai: così facendo potrai avere il tempo di cui necessiti per ristabilire l’equilibrio senza stressare ulteriormente il corpo.

Il tuo benessere è più importante delle cose che hai da fare!

 

ULTIMO CONSIGLIO: prima di partire pensa a quando sarà ora di tornare 

Tutto ciò che lasci a casa prima di partire per un viaggio si siederà sul divano e aspetterà accuratamente il tuo ritorno!

Quindi sii previdente e fatti un regalo: prima di partire per un viaggio prova a proiettarti al momento del tuo rientro e immagina cosa NON vorresti aver da fare.

Per saperne di più leggi l’articolo:

Cosa fare prima di partire? Sei davvero pronto? 13+1 consigli utili.

a casa c'è tutto quello che avevi lasciato

 

 

TORNARE DA UN VIAGGIO…

Tornare da un viaggio non è semplice.

La vita di tutti i giorni ci aspetta con i suoi problemi ma anche con le sue opportunità, sta a noi sorprenderla con tutte le cose belle che abbiamo imparato durante il viaggio.

Questi, secondo me, sono i problemi più comuni di quando si torna a casa. Fammi sapere nei commenti se tu nei hai riscontrati altri, il tuo aiuto può essere prezioso!

 

E prima di andare via, aspetta: ho un regalo per te!

Mi raccomando non perderti assolutamente la lezione 100% GRATUITA che abbiamo preparato per te: 8 trucchi che ti consentiranno limitare il più possibile i costi del viaggio:

8 trucchi che ti consentiranno di viaggiare a costo zero

 

Inoltre, la Community di Diventa un Viaggiatore può essere la tua fonte d’ispirazione per la realizzazione del tuo viaggio: troverai consigli pratici e supporto psicologico per creare al meglio il viaggio che ti sta aspettando.

Community Facebook: Diventa un Viaggiatore

 

A tua disposizione ci sono anche tutti gli utili consigli in formato video sul nostro canale YouTube.

Canale YouTube: Diventa un Viaggiatore

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui