Viaggiare a Piedi: i 10 Cammini più belli di tutto il Mondo

Se viaggiare a piedi è sempre stato il tuo grande sogno ma non ti sei mai messo in gioco, questo è l’articolo giusto per te.

Viaggiare senza un mezzo di trasporto, se non i propri piedi, è un’esperienza unica. Un’avventura che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita.

Camminare è uno dei primi movimenti che impariamo a fare da bambini ma, essendo un’azione del tutto naturale, spesso ci dimentichiamo della sua importanza.

Non si tratta solo di compiere almeno 10.000 passi al giorno per tenersi in salute. Camminare ha il potere di indurci alla riflessione, di rilassarci, di conciliare la concentrazione e l’apprendimento.

Ecco quindi 10 tra i più bei cammini al mondo da percorrere in solitaria o in compagnia, da giovani o meno giovani.

Ognuno di essi è unico e a modo suo ha il potere di renderci consapevoli di quanto immenso è il mondo e di quanto piccoli siamo noi che lo abitiamo.

 

Perché viaggiare a piedi?

Compiere un viaggio a piedi sicuramente non è un tipo di vacanza, ma un’avventura vera e propria.

Viaggiare a piedi ti offre un’esperienza senza pari, con motivazioni che vanno ben oltre la semplice copertura di distanze e la prestazione fisica. Ti permette di connetterti in modo profondo con la natura che ti circonda e di immergerti nelle culture locali.

Camminare poi offre un ritmo più lento, permettendoti di cogliere tutti i dettagli che in genere si trascurano durante i viaggi più veloci.

Questa forma di viaggio, specie se viaggiamo a piedi in solitaria, è un ottimo modo per ritrovare se stessi, connettendosi con l’io più profondo ed interiore che nella corsa di tutti i giorni tendiamo a trascurare.

Inoltre, la sfida fisica e mentale di coprire grandi distanze a piedi contribuisce a una sensazione di realizzazione personale, mentre i momenti di stanchezza sono spesso controbilanciati dalla gratificazione di raggiungere le mete scelte.

Viaggiare a piedi è un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita!  Abbracci l’avventura con tutti i sensi e crea ricordi indelebili!

Se senti il bisogno di viaggiare a piedi in solitaria, ti consiglio la nostra guida: 10 consigli per viaggiare da soli.

 

Come si organizza un viaggio a piedi?

Come si organizza un viaggio a piedi? Scommetto che è stata questa la tua prima domanda, alla sola idea di partire all’avventura di un viaggio del genere.

Inutile dire che tutto sta nella pianificazione del viaggio e quindi delle mete, del budget, dei possibili imprevisti, ma soprattutto dei documenti.

Vediamo insieme step by step quali sono le fasi per viaggiare a piedi in modo organizzato:

 

1. Scegli l’itinerario

La scelta dell’itinerario è il primo step fondamentale che determina tutti i passaggi successivi.

In base a quanti giorni disponibili hai per viaggiare a piedi, puoi scegliere una meta piuttosto che un’altra; esempio: se per percorrere il cammino di Santiago in tutta la sua lunghezza ci vuole un mese, ma tu hai solo una settimana, diciamo che sicuramente dovrai o cambiare meta, od optare per una versione più breve.

Quindi, non strafare: un viaggio a piedi è si faticoso, ma deve essere anche un’esperienza piacevole e che ricorderai per essertelo goduto.

Di conseguenza è fondamentale quindi che in questa fase, tu valuti anche la lunghezza ma soprattutto la difficoltà del percorso in base alla tua esperienza e condizione fisica.

Per fare ciò ricerca info sulle guide di viaggio e testimonianze di altri camminatori per ottenere informazioni dettagliate sui vari percorsi disponibili.

Per approfondire questo step leggi il nostro articolo: Itinerario di viaggio. 5 step per crearlo 

 

2. Durata del viaggio

Come ti anticipavo prima, la durata del viaggio è estremamente fondamentale per viaggiare a piedi.

Sapere quanto tempo si ha a disposizione o si vuole dedicare a questo tipo di avventura, influenzerà non solo la durata totale, ma anche le soste lungo il cammino.

Per fare ciò, considera la tua velocità media di cammino e pianifica le tappe di conseguenza, garantendo un equilibrio tra sfide e momenti di relax.

Non dimenticare poi di valutare anche un eventuale tempo extra nelle soste nel caso tu voglia visitare una determinata attrazione, museo o fare un’esperienza specifica.

Ricorda: prenditi tutto il tempo che ti serve, viaggiare non è una corsa, ma un’esperienza che devi assaporare a passo lento.

A proposito di tempo, se per raggiungere la destinazione devi prenotare qualche tipo di spostamento, scorpi: quanto tempo prima prenotare una vacanza?

 

3. Dove dormire?

Dove dormire è uno dei punti più importanti di questa lista per organizzare un viaggio a piedi.

Domandati che tipo di viaggio vuoi che sia, ma soprattutto quanto budget hai a disposizione.

In base alle tue risposte puoi avere diverse opzioni:

  • Se preferisci un viaggio a piedi più spartano, puoi valutare di accamparti con una tenda lungo il percorso o in un campeggio;
  • Se viaggi a piedi in solitaria e non hai molte pretese, puoi valutare di fermarti in ostello, dove potresti addirittura stringere nuove amicizie.
  • Invece se hai più budget a disposizione e ti piacciono le comodità, opta per un bed and breakfast o un hotel.

In ogni caso, ti consiglio di prenotare in anticipo o quanto meno di contattare la struttura dove vorresti pernottare per assicurarti il posto, ma soprattutto per risparmiare qualche soldo.

Se vuoi info più specifiche, ti consiglio questa guida sui pro e contro di 8 tipi di alloggi.

 

4. Documenti

Per documenti non si intendo solo quelli di identità, ma ce ne sono di diversi tipi e tutti di fondamentale importanza.

Nel viaggiare a piedi è fondamentale avere tutto sotto controllo, riposto con cura in salvo dalle intemperie e dalle perdite accidentali.

Quindi ti consiglio di:

  1. Controllare che i documenti di identità siano tutti validi;
  2. Informarti se nella destinazione da te scelta hai bisogno di qualche certificato/vaccino specifico;
  3. conservare con cura tutti i tuoi biglietti di trasporto, prenotazioni di alloggi ed eventuali attrazioni;
  4. Mantieni un registro di tutte le informazioni importanti, come mappe dettagliate, orari di trasporto, contatti di emergenza e documenti di identità.

Consiglio: per mantenere tutto al sicuro, riponi questi oggetti in una sacca impermeabile del tuo zaino, magari all’interno di un portadocumenti waterproof da viaggio.

 

5. Abbigliamento e attrezzatura

L’abbigliamento e l’attrezzatura sono importantissimi per viaggiare a piedi.

Percorrendo tutto con i tuoi piedi, avrai sicuramente a disposizione solo lo zaino che avrai sempre sulle tue spalle.

Sfido che ti abbia voglia di camminare con una zavorra da 50 kg sulla tua schiena, quindi, il mio consiglio è di scegliere capi leggeri ad asciugatura rapida e quindi materiale tecnico.

Porta solo il necessario: porta solo 3 paia di calzini e mutande, un paio di t shirt ed un paio di pantaloni. Ti consiglio di lavare i tuoi indumenti durante il tuo viaggio.

Fondamentale è che tu investa in attrezzature leggere ma di qualità, come scarpe da trekking confortevoli, bastoncini da trekking e un guscio impermeabile.

Non trascurare il meteo! Scegli un abbigliamento adatto alle condizioni meteorologiche previste durante il tuo viaggio a piedi.

Se hai bisogno di una check list, la trovi in questa nostra guida: viaggiare zaino in spalla, cosa portare con te.

 

6. Preparazione fisica – Viaggiare a piedi

Viaggiare a piedi per tante ore e per molti km non è una cosa che puoi fare dall’oggi al domani. La preparazione fisica è di estrema importanza.

Onde evitare dolori, strappi ed altri contrattempi fisici, ti consiglio di iniziare un programma di allenamento mirato al tuo viaggio a piedi almeno qualche settimana prima della partenza.

Comincia per gradi quindi prima da brevi camminate, fino ad arrivare all’intera lunghezza della tappe che affronterai giornalmente.

Inoltre ti consiglio di includere sessioni di allenamento cardio per migliorare la resistenza fisica.

Non è da sottovalutare anche l’alimentazione: adotta uno stile di vita più sano mangiando meglio e bevendo in abbondanza.

Per approfondire il tema, leggi i nostri consigli per allenarti per un cammino.

 

7. Piani B per viaggiare a piedi

I piani b durante un viaggio a piedi, ma come in tutte le tipologie, sono di fondamentale importanza per non cadere nello sconforto e nella confusione.

Per ogni tappa del tuo percorso, pensa ad un eventuale alternativa da mettere in atto o in caso di maltempo o nel caso tu non raggiunga la meta prefissata per quella giornata.

Potresti individuare delle cittadine o punti di appoggio secondari ogni tot di km in modo da avere sempre una soluzione. Studiarsi la rete dei trasporti o avere una sua mappa è sempre un ottimo piano B da usare solo in caso di estrema necessità.

Per piano b ti consiglio anche di valutare un piano di emergenza che includa informazioni di contatto per servizi di soccorso locali e condividerlo con qualcuno di fiducia. Non dimenticarti di utilizzare anche Viaggiare sicuri della Farnesina.

 

Cosa portare con se durante un viaggio a piedi?

Siamo arrivati nella sezione che sicuramente stavi aspettando con ansia: cosa portare durante un viaggio a piedi?

Nel preparare il tuo zaino per viaggiare a piedi, è essenziale selezionare attentamente gli elementi che saranno tuoi compagni lungo il cammino.

Ribadisco che, dovendo portare tutto sulle tue spalle, devi cercare il più possibile di scegliere lo stretto necessario, non dimenticando però degli oggetti che sembrano banali ma che ti risulteranno utilissimi.

Eccoti la lista che potrai usare come chek-list:

1.Abbigliamento:

  • Strati leggeri adatti alle condizioni meteorologiche.
  • Giacca impermeabile/resistente al vento.
  • 1 paio di ciabatte da utilizzare negli alloggi/bagni.
  • 2 calze tecniche per evitare vesciche.
  • Cappello o berretto.
  • Occhiali da sole e crema solare.
  • Bastoncini da trekking (se preferiti).
  • Copertura per la pioggia (copri zaino e poncho)

2. Attrezzature e Accessori:

  • Borraccia
  • Kit di pronto soccorso con cerotti, disinfettante, e analgesici.
  • Snack, barrette proteiche.
  • Mappa percorso e/o dispositivo GPS, bussola.
  • Torcia elettrica con batterie di ricambio.
  • Coltellino multiuso.

3. Igiene Personale:

  • Sapone biodegradabile.
  • Asciugamano leggero e di rapido asciugamento.
  • Dentifricio e spazzolino da denti.
  • fazzoletti.

4.Oggetti Personali:

  • Documenti di identità e carte necessarie.
  • Portafoglio.

Elettronica:

  • Caricabatterie portatile.
  • Smartphone e/ macchina fotografica.
  • Adattatori di presa (se necessari)

Per approfondire, leggi come preparare uno zaino da viaggio.

 

Quale è lo zaino adatto per viaggiare a piedi?

Lo zaino adatto per viaggiare a piedi deve essere un zaino resistente, capiente, ma non estremamente ingombrante.

Ricorda: più spazio hai a disposizione e più sarai spinto a riempirlo e ad inserire oggetti che potrebbero risultarti inutili durante la tua avventura!

Opta quindi per uno zaino che va dai 30 al 40 litri.

Scegli uno zaino che abbia gli spallacci e schienale imbottito, con una buona distribuzione del peso per ridurre la fatica sulla schiena e spalle e quindi che abbia cinghie regolabili per lo scarico del peso.

Gli scomparti e tante tasche ben progettate ti faciliteranno l’organizzazione, permettendoti di accedere rapidamente agli oggetti essenziali senza dover rovistare.

Un sistema di chiusura affidabile, come cerniere robuste o fibbie di qualità, è fondamentale per proteggere il contenuto.

Infine, assicurati che lo zaino sia impermeabile e che abbia a disposizione una sacca per copri zaino per salvare i tuoi oggetti dalle intemperie.

Prima di partire per il tuo viaggio a piedi, prova lo zaino con un peso simulato per assicurarti che sia comodo e ben bilanciato.

Per scoprire i modelli e le marche più adatte leggi: come scegliere lo zaino per te da viaggio.

 

Consigli ed Errori per Viaggi a piedi

I nostri consigli ed errori da evitare per viaggiare a piedi, arrivano dal frutto delle nostre esperienze.

Viaggiare a piedi può essere un’avventura arricchente ed emozionante, ma può presentare numeroso sfide.

Per essere sicuro di non cadere in errore o in difficoltà, ti consiglio:

  • Pianifica con flessibilità e sii preparato ad adattarti alle condizioni del percorso.
  • Mantieni uno zaino leggero, portando solo l’essenziale, per evitare il sovraccarico.
  • Presta attenzione alla tua salute fisica, facendo pause regolari e ascoltando il tuo corpo.
  • Investi in calzature di qualità e testale prima del viaggio per evitare dolori ai piedi.
  • Evita di sottovalutare le condizioni meteorologiche, porta abbigliamento adatto e monitora costantemente le previsioni.
  • Non trascurare la pianificazione delle soste e delle sistemazioni lungo il percorso.
  • Infine, sii consapevole dell’ecosistema circostante, rispettando la natura e seguendo le regole locali.

Viaggiare a piedi, se seguirai questi semplici me importanti consigli sarà un’esperienza senza pari che porterai nel cuore per il resto della tua vita.

Scopri quali sono i 18 errori da evitare quando si viaggi da soli.

 

Dove andare? 

Finalmente siamo arrivati alla sezione che tanto aspettavi con ansia: dove andare?

Viaggiare a piedi ormai è possibile un po’ ovunque in Italia e nel Mondo, grazie ad una vastissima rete di sentieri sempre più battuti da escursionisti e sempre più appetibili a livello turistico, grazie a infrastrutture di accoglienza che rendono il viaggio più confortevole.

Pronto a scoprire quali sono i cammini più emozionanti? Cominciamo:

 

1. Via Francigena a piedi – In viaggio verso Roma

La Via Francigena a piedi, viaggiando verso Roma, è una delle avventure che credo non possano assolutamente mancare nella top 10.

Si tratta di un itinerario culturale che dall’Inghilterra giunge in Italia, passando per Francia e Svizzera.

Attraverserai lo Stretto della Manica approdando a Calais, percorrerai la Francia nord-orientale annusando i suoi profumi e assaggiando i suoi sapori. Camminerai ascoltando il gorgogliare del Rodano e valicherai le Alpi per entrare in territorio italiano. Aosta, Pavia, Piacenza, Lucca, Viterbo…

Ogni città sarà un luogo da scoprire mentre viaggi a piedi e ti dirigi verso la tua meta: Roma, in un viaggio di 1.800 impregnato di storia.

Un tempo, infatti, molti pellegrini percorrevano la Via Francigena per proseguire, in seguito, verso la Terra Santa.

La strada è tanta, non farti cogliere impreparato e scegli una di queste 10 scarpe per la Via Francigena.

 

2. Magna Via Francigena a piedi – Da Palermo ad Agrigento

Simile per assonanza ma non per geografia, la Magna Via Francigena – da Palermo ad Agrigento, è un cammino moltoviaggi a piedi magna via francigena segnaletica antico che veniva percorso non soltanto a piedi ma anche a cavallo e su carri.

Ai giorni nostri l’incuria ha oscurato la bellezza di questo percorso che da Palermo giunge ad Agrigento, ma nel 2018, grazie ad alcuni finanziamenti e alla dedizione di grandi appassionati del territorio siciliano, la Magna Via Francigena è risorta, e oggi è nuovamente fruibile.

Con i suoi 180 km percorribili in 9 giorni, esplorerai l’entroterra siculo, attraversando colline, montagne e territori pianeggianti che lasciano il segno e per gran parte del viaggio a piedi il fiume Platani ti accompagnerà con la sua melodia.

La Magna Via Francigena, inoltre, fa parte di un più ampio progetto  chiamato Cammini Francigeni di Sicilia di cui fanno parte le prossime tre vie.

 

 I 20 luoghipiù belli della Sicilia.

 

3. Via Palermo – Messina per le Montagne

Questo splendido percorso lungo 370 km consta di 20 tappe, ti permetterà di partire da Palermo per arrivare a Messina per le Montagne.

Tra i viaggi a piedi questo è uno dei più faticosi ma ne varrà la pena.

Passeggiando tra i Peloritani, i Nebrodi e le Madonie, resterai affascinato dallo storico castello di Caccamo e dalle Petralie, patria delle castagne. Ti immergerai in Montalbano Elicona, già Borgo dei Borghi nel 2015 e, gustando i biscotti castriciani, tipici di Castroreale, giungerai a Messina, la città dello Stretto.

 

4.Via Francigena Fabaria – viaggiare a piedi in Italia

Viaggiare a piedi in Italia lungo la Via Francigena Fabaria è un’esperienza unica.

È lunga approssimativamente 300 km, ha inizio ad Agrigento e permette di esplorare la parte sud-est della Sicilia.

Dopo aver costeggiato il Mediterraneo fino a Gela, il cammino si insinua nell’entroterra permettendoti di visitare Caltagirone, la città delle ceramiche. Attraverserai la valle del Simeto per ricongiungerti, all’altezza di Maniace, alla Via Francigena Messina per le Montagne.

Se hai molto tempo ti consiglio di allungarti e visitare Taormina.

 

5.Via Francigena Mazzarese

La Via Francigena Mazzarese è uno dei viaggi a piedi che unisce Palermo ad Agrigento attraversando il Trapanese.

Passerai per i vigneti della Valle dello Iato, arrivando al cuore del Belice. Scoprirai Mazara del Vallo, approdo per molti pescherecci siciliani e, se viaggerai a febbraio, potrai restare ammaliato dal Carnevale di Sciacca. La Valle dei Templi e il Mandorlo in Fiore saranno lì ad attenderti.

 

6.Cammino di Santiago – Sulle orme dei pellegrini

cammino di santiago segnaleticaDi tutti i viaggi a piedi, il Cammino di Santiago che ripercorre le orme dei pellegrini è forse il più famoso.

Meta di pellegrinaggio fin dai tempi più antichi, Santiago di Compostela è un santuario per i camminatori di tutto il mondo che ogni anno vi fanno visita.

Sebbene questo itinerario sia una vera e propria istituzione tra i pellegrini, esistono diversi percorsi per giungere al luogo sacro del viaggio: la Cattedrale di Santiago.

Sei curioso? Vediamoli insieme.

 

Cammino del Nord

Il Cammino del Nord costeggia tutta la Spagna settentrionale, dai Paesi Baschi alla Galizia, passando per la Cantabria e le Asturie.

Da Irún percorrerai ben 824 km in circa 34 giorni per giungere a Santiago. Sosterai a Bilbao, dove maestoso si erge il Guggenheim Museum della città.

Se viaggerai in estate potrai assistere al festival musicale di Santander, importante città universitaria e visitare il simpatico porto di Luarca.

Infine, percorrerai un breve tratto del Cammino Francese per giungere alla meravigliosa Santiago di Compostela.

Se ti sei appassionato a questo tratto leggi la nostra guida sul Cammino del Nord.

 

Cammino Francese

Il Cammino Francese è forse il viaggio a piedi più seguito dai camminatori per giungere a Santiago.

Il viaggio a piedi parte da St. Jean Pied de Port, graziosa cittadina francese a confine con la Spagna.

Mosso il primo passo, ti aspetteranno 764 km percorribili in 33 giorni, che ti permetteranno di scoprire luoghi poco turistici, di attraversare climi molto diversi tra loro e di conoscere gente da tutte le parti del mondo nei numerosi ostelli che affollano la via.

Il viaggio a piedi diventerà un’esperienza di vita indimenticabile.

L’intero itinerario lo trovi nella nostra guida: Cammino Francese tutto quello che c’è da sapere.

 

Cammino Portoghese

Il Cammino Portoghese è un’ulteriore via per raggiungere la tomba di San Giacomo.

Il viaggio a piedi parte da Lisbona e si dirige verso nord in direzione di Santiago di Compostela.

620 km percorribili in 25 giorni sono l’ideale per chi non vuole rinunciare al cammino più famoso del mondo ma ha a disposizione meno di un mese di tempo.

Viaggiare a piedi lungo questo tratto è qualcosa di unico. Tutti i dettagli nella guida: il Cammino Portoghese.

 

Viaggiare a piedi su Percorsi meno conosciuti

Viaggiare a piedi su percorsi meno conosciuti è un’esperienza molto eccitante.

Infatti esistono degli itinerari meno conosciuti per giungere a Santiago ma i più famosi li abbiamo affrontati. Li cito comunque nel caso in cui qualcuno fosse interessato a percorrerli:

Quale che sia il percorso che sceglierai, se vuoi ottenere il massimo dal tuo viaggio a piedi fino a Santiago, ti consiglio di aggiungere un centinaio di km in più per arrivare a Capo Finisterre.

Si tratta della punta più estrema della costa galiziana che si affaccia sull’Oceano Atlantico.

Perdersi nella vastità del mare dopo tanta fatica è un’emozione che riempie il cuore.

Il Cammino di Santiago offre infinite possibilità per viaggiare a piedi, se cerchi la vera bellezza, abbiamo selezionato in questa guida il percorso e i tratti più belli del Cammino di Santiago.

 

7.Cammino di San Paolo – Viaggiare a piedi in Turchia

Spostandoci in Turchia, un altro affascinante viaggio da percorrere a piedi è il Cammino di San Paolo.

Questo itinerario, adatto a camminatori esperti per via della geografia del territorio, segue i cammino di san paolopassi che l’apostolo Paolo percorse durante da sua prima opera missionaria.

Il viaggio è percorribile a piedi in 11 giorni e conta ben 500 km.

Partendo da Perge, nel sud-ovest della Turchia, attraverserai l’imponente catena montuosa del Tauro e arriverai ad Eğirdir, città ricca di moschee e mausolei che si affaccia sull’omonimo lago. Passo dopo passo, arriverai, infine a Yalvaç, l’antica Pisidia, famosa per la sua coltivazione di erbe aromatiche.

Ti consiglio, visto che sicuramente arriverai qui in aereo, dei giorni da dedicare alle bellissima Istanbul.

 

8.Kumano Kodo – Viaggiare a piedi per il Giappone

Viaggiare a piedi in Giappone è possibile su l’esotico cammino patrimonio UNESCO, si trova nell’isola di Honshu: Kumano Kodo.

Si tratta di un vero e proprio percorso spirituale, oltre che naturalistico, perché prevede di rendere omaggio a tre grandi santuari giapponesi:

  • Kumano Hongu Taisha
  • Kumano Hayatama Taisha
  • Kumano Nachi Taisha

Il sentiero ha diversi punti di inizio, ma il più conosciuto, la Rotta Imperiale, dura meno di una settimana.

Se ami la cultura orientale, i boschi e la natura, questo viaggio a piedi è quello che fa per te!

La bellezza di questi luoghi è davvero unica, sono sicuro ti tornerà utile bloccare questi ricordi su carta, quindi potrebbe tornarti utile un buon taccuino da viaggio.

 

9.Overland Track – viaggiare a piedi tra le vette della Tasmania

Spostiamoci in Australia per percorrere l’Overland Track, uno dei percorsi più conosciuti sull’isola per viaggiare a piedi tra le vette delle Tasmania.

viaggi a piedi overland track tasmaniaCon i suoi 65 km il cammino attraversa la Tasmania da Cradle Mountain al Lago St. Claire, alternando paesaggi montuosi con pianure a perdita d’occhio.

Il cammino, oltre ad essere corto, è anche abbastanza agevole, e quindi adatto anche ad escursionisti e camminatori non esperti.

Tuttavia i capricci del clima possono darti qualche rogna se non sei adeguatamente equipaggiato.

Quindi se parti per una stagione tendenzialmente fredda può tornarti utile: abbigliamento da trekking inverno;

In estate non dimenticarti mai un ottimo cappello da trekking.

 

10.Sentiero degli Appalachi – Dagli U.S.A al Canada

Per gli amanti del Nuovo Continente ecco uno tra i più interessanti viaggi a piedi che si possano percorrere: il Sentiero degli Appalachi, dagli Usa al Canada.

Attraversando diversi degli Stati Uniti, questo cammino lungo 3.500 km cavalca la catena montuosa degli Appalachi, partendo dal monte Springer, in Georgia e arrivando al monte Katahdin, nel Maine.

Se conoscere le foreste, le fattorie e le grandi città americane lungo il cammino non ti basta, puoi proseguire il viaggio a piedi in Canada. Qui, infatti, inizia il Sentiero Internazionale degli Appalachi.

Consiglio: per un viaggio così lungo, non dimenticare di utilizzare un’ottima assicurazione di viaggio.

 

Viaggiare a piedi è come respirare.

Passo dopo passo ti avvicinerai alla meta senza neanche accorgertene, e quando ti volterai a guardare indietro ti renderai conto delle migliaia di passi che i tuoi piedi hanno compiuto, di ciò che il tuo corpo è stato capace di fare.

 

Prima di salutarti e darti appuntamento al prossimo articolo, ti consiglio di dare un’occhiata a questi:

ZAINO DA VIAGGIO: COME SCEGLIERE IL MIGLIORE PER LE TUE ESIGENZE

COME SCEGLIERE SCARPE DA VIAGGIO COMODE ADATTE ALLA TUA VACANZA

 

Per maggiori informazioni su alcuni dei viaggi a piedi che abbiamo visto:

VIA FRANCIGENA

MAGNA VIA FRANCIGENA

CAMMINI FRANCIGENI DI SICILIA

SENTIERO DEGLI APPALACHI

SENTIERO INTERNAZIONALE DEGLI APPALACHI

 

Spero quindi che questo articolo di abbia dato qualche suggerimento per il tuo prossimo o, perché no? primo viaggio a piedi.

Fammelo sapere in un commento!

 

Inoltre la community di Diventa un Viaggiatore è qui per aiutarti ad aggiungere all’interno del tuo schema di vita la parola viaggiare.

Il primo passo verso la realizzazione di questo grande obiettivo è quello di guardare il video-corso 100% gratuito “Da zero a viaggiatore esperto”, che ti insegna tutti i TRUCCHI CHE TI CONSENTIRANNO DI VIAGGIARE A COSTO ZERO.

SCARICALO ADESSO non perdere altro tempo 😉

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui